X

Ho letto e accetto i termini e le condizioni

9.00 – 13.00 > VERDE BRILLANTE

Escursione con l’esploratore Franco Michieli

La vocazione di perdersi

Un laboratorio per imparare l’orientamento naturale.

La mattina di domenica 5 settembre sarà dedicata a mettersi nei panni di un piccolo gruppo di esploratori che provino a interpretare un paesaggio abituale come se fosse completamente nuovo, leggendolo grazie alle sole osservazioni e riflessioni che si compiono sul campo per mezzo delle doti umane, ed evitando informazioni fornite dagli strumenti tecnologici o da descrizioni preconfezionate dei percorsi.

Franco Michieli, veterano dei lunghi percorsi esplorativi “a vista”, compiuti senza il supporto delle tecnologie contemporanee, introdurrà i partecipanti – in numero di 15-20 – al recupero di una relazione antica con la Terra, che permise ai nostri lontani antenati, prima della nascita delle civiltà, di esplorare e abitare il mondo intero. Oggi abbiamo sostituito quelle doti con strumenti e protesi che ci dicono cosa fare e dove andare, perdendo relazioni con la molteplicità del mondo. L’escursione è uno stimolo a riscoprire la bellezza e la libertà del rapporto diretto con la natura e con i suoi eventi, scoprendo come i riferimenti presenti nell’ambiente ci permettono di orientarci. Una prospettiva trasferibile anche nel campo dei rapporti umani.

La mattina sarà dedicata a un’escursione a piedi di circa 4 ore, priva di difficoltà tecniche, ma in qualche tratto su terreni senza sentiero, che offrirà spunti per comprendere e mettere alla prova gli strumenti naturali psico-fisici che permettono ai viventi di orientarsi. Si introdurrà quindi il concetto di “mappa mentale” che sostituisce le rappresentazioni del territorio su carta o monitor, e si osserveranno alcuni esempi di bussole naturali, prima fra tutte il sole, se sarà visibile. Si osserveranno anche i corsi d’acqua, le forme del rilievo, alcuni elementi vegetali o antropici capaci di rivelare caratteristiche e orientamenti del terreno. Le condizioni meteo della giornata determineranno quali tipi di riferimenti potranno essere utilizzati in pratica.

Ai partecipanti si richiede di dotarsi di abiti comodi per camminare e adatti a ripararsi da eventuali piogge, con scarponcini con suola a carrarmato o comunque scarpe sperimentate per muoversi anche su terreni scivolosi o petrosi. Occorre portare con sé anche un litro d’acqua e viveri energetici per qualche spuntino. Chi vuole può portare un quadernetto per appunti.

Durante l’escursione tutti i cellulari dovranno restare rigorosamente spenti, salvo tenerli su modalità “aereo” nel caso si dovessero scattare foto, ma senza condividerle in rete fino alla conclusione dell’escursione. Inoltre si camminerà senza tenere a vista orologi di qualunque tipo, dato che per qualche ora ci si regolerà con “l’orologio biologico”. Va evitato anche qualunque utilizzo del GPS o di altri strumenti elettronici. Non si utilizzeranno neanche cartine della zona.

Nota: l’esperienza potrebbe subire modifiche in base alle condizioni climatiche.

Luogo di ritrovo in via di definizione

 

ACQUISTA BIGLIETTO

 

FRANCO MICHIELI

Classe 1962, geografo, residente nelle Alpi, redattore per molti anni delle riviste Alp e RdM, oggi inviato di Meridiani Montagne, scrittore, originale esploratore e garante internazionale di Mountain Wilderness, è tra gli italiani più esperti nel campo delle grandi traversate a piedi di catene montuose e terre selvagge; tra queste si ricordano le traversate alpinistiche integrali di Alpi, Pirenei, Norvegia, Islanda, Scozia, alcuni arcipelaghi, cordigliere interne alle Ande. Dal 1998 con uno o due compagni attraversa a piedi o con gli sci terre impervie interpretandole esclusivamente con occhi e facoltà umani, in vero isolamento nell’ambiente, quindi senza Gps, strumenti ricetrasmittenti, mappe, bussola e orologio, mostrando che nel rapporto concreto fra uomo e natura si trovano molte soluzioni che la civiltà ipertecnologica ha dimenticato. Condivide lunghi percorsi formativi con simile approccio in collaborazione con La Compagnia dei Cammini e tiene corsi e seminari teorico-pratici in collaborazione con Movimento Lento. Sul tema ha pubblicato il libro La vocazione di perdersi. Piccolo saggio su come le vie trovano i viandanti (Ediciclo 2015); altre versioni del suo rapporto con la natura sono espresse nei libri L’estasi della corsa selvaggia. Piccoli voli a corpo libero fra la terra e il cielo (Ediciclo 2017) e Andare per silenzi (Sperling & Kupfer 2018). Si dedica intensamente come volontario alla formazione all’alpinismo e all’esplorazione di giovani locali sulle Ande di Perù e Bolivia. Collabora con trasmissioni televisive naturalistiche. Ha raccontato le sue esperienze in centinaia di articoli, conferenze e nel film La via invisibile. Nel 2014 ha vinto il Premio Gambrinus “G. Mazzotti”, tra i più importanti premi di letteratura di montagna, per il suo libro Huascarán 1993. Verso l’alto, verso l’altro, ricevendo in seguito altri riconoscimenti letterari. A maggio 2020 è uscito L’abbraccio selvatico delle Alpi (Ponte alle Grazie – Club Alpino Italiano), racconto della traversata delle Alpi da mare a mare compiuta a 19 anni.

www.francomichieli.wordpress.com